Crea sito


INNI RSI
INNI FOLGORE
MISCELLANEA
SITI AMICI







INNI E CANTI DELLA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA (RSI)


Nelle scorse settimane ci sono arrivate parecchie lamentele per il fatto che non era possibile scaricare i file mp3. Abbiamo provveduto a correggere il problema.

Le canzoni trattate in queste pagine sono spesso di origine popolare, riarrangiate e riscritte. Ci sono pervenuti parecchi suggerimenti riguardo correzioni alle liriche. Ci teniamo a precisare che le liriche della canzoni riportate sono trascritte direttamente dai relativi mp3, ma non si vuole fare intendere che siano quelle "universali" e originali, bensì una delle tante versioni che sono state scritte durante la Storia, pervenuteci dalle registrazioni. Per cui, salvo correzioni grammaticali o qualche svista, non si accettano correzioni ai testi.

Raccolgo in questa pagina alcuni canti della Repubblica Sociale Italiana (altrimenti nota come "Repubblica di Salò") coi rispettivi mp3 originali del tempo. Questo sito non ha alcun scopo politico, ha solamento l'intento di essere a suo modo una fonte storiografica. E' stato pensato soprattutto per far felici gli appassionati di musica popolare, come me.

Questo sito è stato progettato per funzionare con i migliori browser (Google Chrome e Mozilla Firefox, ultime versioni). Se utilizzate un browser fasullo (per esempio Interne Explorer) forse incontrerete dei problemi. Scrivetemi con questo modulo se avete qualche problema.

La maggior parte di queste canzoni sono stati registrate da musicisti repubblicani del tempo con un organo Hammond (almeno credo, era molto usato in quei tempi), un ottavino, un tamburo militare e un piccolo coro maschile e uno femminile. Per info e suggerimenti utilizzate questo modulo

Un ringraziamento a Maurizio per le correzioni apportate.

Agosto 2008: creazione del sito
Aggiornamento Luglio 2009: ora si possono commentare le canzoni quindi mi raccomando, commentate! Ho programmato tutto io, avrò fatto qualche errore e il conteggio dei commenti inseriti (Il numero fra parentesi di "Visualizza messaggi") è errato; abbiate pazienza sistemerò quando avrò tempo.
Aggiornamento Agosto 2009: inserita una nuova sezione dedicata ai canti della folgore. Clicca sulla barra di navigazione in alto per accedervi.
Aggiornamento Ottobre 2009: aggiunta una nuova canzone, "All'armi siam fascisti" versione cantata dai repubblicani del tempo.
Aggiornamento Giugno 2010: aggiunta la sezione "Miscellanea".
Aggiornamento Giugno 2011: trovati i titoli dei lieder originali tedeschi da cui sono state tratte le melodie di Cara Mamma Parto Volontario e La Terza Compagnia.
Aggiornamento Agosto 2011: sistemati diversi bugs tra cui il conteggio dei commenti e varie modifiche stilistiche.
Aggiornamento Gennaio 2014: manutenzione straordinaria. Corretti alcuni problemi.

All'armi siam fascisti
Al vento le bandiere
Battaglion Toscano
Cara mamma parto volontario
E' partita una tradotta
Fiamma nera
Hanno ammazzato Ettore Muti
Il Brennero è italiano
Inno delle Brigate Nere
La terza compagnia
Le donne non ci vogliono più bene
Legionario non torna più
Leonessa
Inno al S. Marco
Inno alla Decima flottiglia MAS
Non deporrem la spada
O' bella Dalmazia
O' legionari
Partigiano
Per voi ragazze belle
Rombano i motori
Stornelli delle Brigate Nere
Vogliamo scolpire una lapide




All'armi siam fascisti
All'armi! All'armi! All'armi siam fascisti, terror dei comunisti!
E noi del Fascio siamo i componenti
la causa sosterrem fino alla morte
e lotteremo sempre forte forte
finchè ci resta un po' di sangue in cuore.

Sempre inneggiando la Patria bella
che tutti uniti noi difenderemo
contro i vigliacchi e i traditori,
che ad uno ad uno noi ammazzerem.

Visualizza commenti (5)

Inserisci nuovo commento

Al vento le bandiere

Scaricata 304 volte

Fratelli, amici!
Al vento le bandiere
Pronte le armi chè l%u2019ora suonò.
Contro il nemico
o vincere o morire
Dio questa forza ci donò.

Guerra per la libertà
per la nostra terra.
Chi ha tradito pagherà
con la propria vita.

Italiani si cadrà
per la nostra libertà.

Visualizza commenti (2)

Inserisci nuovo commento

Battaglion Toscano
Celebre canzone riproposta in versione rock da due band di musica alternativa italiana, gli Hobbit e gli Attacco Frontale. Esiste un canto della Folgore (Vent'anni) con la stessa melodia e una parte del testo.

O Battaglion Toscano,
dei belli il più sei tu:
di tutta la Repubblica,
la meglio gioventù!

Qualcuno arriccia il naso,
vorrebbe biasimar...
Ma noi non si fa caso:
si tira a camminar.

E con in testa il nostro comandante,
lo seguiremo lungo il suo cammin!
Canta mitraglia la rumba fulminante,
i legionari siam di Mussolin!

A noi la Morte non ci fa paura -No!
Ci si fidanza e ci si fa all'amor...
Se poi ci avvince, e ci porta al cimitero,
si accende un cero, e non se ne parla più!

Vogliam morire tutti crocifissi
per riscattare un'ora di viltà!
Se ci restasse di vita un sol minuto,
noi lo vivremmo per un'eternità!

Visualizza commenti (1)

Inserisci nuovo commento

Cara mamma parto volontario

Con la stessa melodia di Das Engellandlied, un canto del terzo reich. Un ringraziamento a Maurizio per il testo della canzone.


Cara mamma, parto volontario,
dammi un bacio senza lacrimar.
Sono giovane, forte e bene armato,
vittorioso voglio ritornar!
Chi ci fermerà?
Chi lo impedirà?
Vent'anni abbiamo,
vent'anni e il sangue darem:
per l'Italia, per l'Italia,
per il Duce, vincere o morir,
o morir!

La bandiera è simbolo di gloria,
vittoriosa in testa marcerà;
ci conduce e ci guida alla vittoria
per la nostra santa libertà.
Vinceremo ognor,
morte all'invasor!
Conquisteremo
la nostra libertà con valor!
Vinceremo, vinceremo,
per l'Italia vincere o morir,
o morir!

Visualizza commenti (4)

Inserisci nuovo commento

E' partita una tradotta
Inno del reggimento GG.FF. , giovani fascisti che combatterono a Bir-el-Gobi


E' partita una tradotta,
tutta piena di diciott'anni,
visi freschi, cuori spaccati
dalle granate dell'allegrìa.
Hanno preso la via del mare
questi giovani in grigioverde
col prurito nelle mani
e l'amore nei tascapani.

L'han chiamato "Il Battaglione
del figliol... di mamma mia!"
Fà una pernacchia e tira via
perchè c'è sempre qualche frescone...

Mamma mia, ma col moschetto,
bacio in fronte, te l'ho detto
salutando alla stazione,
questo è quello della mitraglia;
mamma mia, ma col pugnale,
chè la guerra non è finita,
scaglio l'anima nella partita,
lasciala andare dove vorrà.

I diciott'anni li consumiamo
tra la gavetta e le scarpinate,
poi verrà l'ora che batte il cuore
quell'ora santa delle legnate.
O Battaglione di primavera
dove si ferma nessun lo sa.

Ed ora andiamo oltre i confini
Battaglioni di Mussolini!

Visualizza commenti (1)

Inserisci nuovo commento

Fiamma nera
O' fiamma nera
Tu sei forza divina
O' fiamma nera
Tu sei forza d'Italia

Salva la Patria
Falla sempre più grande
La Patria, la Patria
Con Fede e con Onore e nuova gloria

O' battaglion
marcia verso la vittoria
Scaglia il tuo cuor
Contro il barbaro invasor

Fa' tutti noi
La salvezza della Patria
Guardia fedele
Del Duce, a Noi!

O' fiamma nera
Tu sei forza divina
O' fiamma nera
Tu sei forza d'Italia

Salva la Patria
Falla sempre più grande
La Patria, la Patria
Con Fede e con Onore e nuova gloria

O' battaglion
marcia verso la vittoria
Scaglia il tuo cuor
Contro il barbaro invasor

Fa' tutti noi
La salvezza della Patria
Guardia fedele
Del Duce, a Noi!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Hanno ammazzato Ettore Muti
Ettore Muti, gerarca fascista, ucciso misteriosamente dopo un'ordine d'arresto. Il motivo è preso da un canto anarchico di Pietro Gori, e la metrica è quella di "Hanno ammazzato Gianni Berta", canto in onore di Giovanni Berta, squadrista martire fascista ucciso in uno scontro con i comunisti.


Hanno ammazzato Ettore Muti
fascista tra i fascisti,
vendetta, sì vendetta
farem sui comunisti.

Hanno ammazzato Ettore Muti,
la pagheranno cara,
col sangue partigiano
ti laverem la bara!

Riposa in pace, Ettore Muti,
dormi tranquillo il sonno:
ti vendicheremo un giorno,
ti vendicheremo un giorno.

Visualizza commenti (4)

Inserisci nuovo commento

Il Brennero è italiano

http://www.flickr.com/photos/gengish/4799781240/
Là dove Druso un dì passò, io ci ritornerò.
La vetta dell'Italia col mio cuor difenderò.
E guai a chi dal Brennero il cippo sposterà:
Bolzano e l'Alto Adige Italia resteran.

Lassù, lassù, lassù noi resterem,
tra i verdi boschi e l'azzurro ciel.
Lassù, lassù, lassù noi resterem:
sì, sì, noi resterem!

Bianco è il color dei nostri Monti Pallidi lassù,
e rosso è il Catinaccio quando sta per tramontar,
e verde è l'alto pascolo: che mai si vuol di più
per dimostrar che'l Tricolor non si cancella più!

Lassù, lassù, lassù noi resterem,
tra i verdi boschi e l'azzurro ciel.
Lassù, lassù, lassù noi resterem:
sì, sì, noi resterem!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Inno delle Brigate Nere
Con la stessa melodia dell'Inno degli Arditi, ca. 1920


Brigate nere, avanguardia di morte
siam vessillo di lotte e di orror,
siamo l'orgoglio trasformato in coorte
per difendere d'Italia l'onor.
Viva l'Italia!
Fascisti, a noi!
Il Fascio è simbolo di tanti Eroi
Brigate nere, dai saldi cuori
contro i nemici di dentro e di fuori!
Come una rapida freccia che scocca
scatta il pugnale che sa vendicar;
siamo Fascisti, guai a chi ci tocca,
ogni nemico facciamo tremar!
Viva l'Italia!
Fascisti, a noi!
Il Fascio è simbolo di tanti Eroi
Brigate nere, dai saldi cuori
contro i nemici di dentro e di fuori!

Visualizza commenti (1)

Inserisci nuovo commento

La terza compagnia
Con la stessa melodia di Rosemarie, un canto del terzo reich. Un ringraziamento a Maurizio per il testo della canzone.


La terza compagnia
canta con ardor
i canti più belli
di guerra è d'amor.

Fanciulle della via
sorridete ogni or
la terza compagnia
per voi canta in cor

Gettate un bacio e un fiore
cantando vien l'amore
per la più bella gioventù
che presto se ne andrà laggiù
a pugnar, a lottar, a morir con valor
per la libertà!

Visualizza commenti (3)

Inserisci nuovo commento

Le donne non ci vogliono più bene
UOMINI:
Le donne non ci vogliono più bene
perché portiamo la camicia nera.
Hanno detto che siamo da catene,
hanno detto che siamo da galera!
L'amore coi fascisti non conviene:
meglio un vigliacco che non ha bandiera,
uno che non ha sangue nelle vene,
uno che serberà la pelle intera!
Ce ne freghiamo! La signora Morte
fà la civetta in mezzo alla battaglia,
si fa baciare solo dai soldati.
Sotto ragazzi, facciamole la corte,
diamole un bacio sotto la mitraglia,
lasciamo le altre donne agli imboscati!
A noi!

DONNE:
Le donne non vi vogliono più bene
perché portate la camicia nera.
Non vi crucciate: cosa da galera
Fu giudicato Cristo, e da catene!
A voi fascisti, a voi non si conviene
chi rinnegò la Patria e la Bandiera,
chi si donò al nemico tutta intera,
chi ha stoppa in capo ed acqua nelle vene!
Voi che correte il palio della morte,
la Patria onora, e premio alla battaglia
è il mirto che fiorisce pei soldati.
E un cuor di donna vi farà la corte,
che vi ha seguito sotto la mitraglia,
un cuore che disprezza gli imboscati!
A noi!

Visualizza commenti (3)

Inserisci nuovo commento

Legionario non torna più
Senti o' bella, senti o' cara questo è il passo dello scarpone, dello scarpone
Legionario che va' alla guerra chissà quando ritornerà
Legionario che va' alla guerra chissà quando ritornerà

Tornerà a primavera col pugnale insanguinato, insanguinato
Primavera s'avvicina, legionario non torna ancor
Primavera s'avvicina, legionario non torna ancor

E' rimasto in Valtellina con le scarpe rivolte al sol
primavera è già passata, legionario non torna più!
primavera è già passata, legionario non torna più!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Leonessa
Leonessa,
della battaglia sei regina!
Leonessa,
quando il nemico si avvicina!
Combatterò,
e poi ritornerò.
E quanti figli avrem,
carristi ne farem:
combattere sapranno ognor.

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Inno al S. Marco
Forse è una versione del 1936, l'ho inserita per completezza.


Popol d'Italia avanti avanti
bagna nel mar le tue bandiere,
gente di mille primavere
l'ora dei forti suonerà.

Stretto il patto con la morte
chiusa in pugno abbiam la sorte,
sui leoni l'abbiam giurato,
sull'eterna libertà, la libertà.

San Marco! San Marco!
cosa importa se si muore
quando il grido del valore
con i fanti eterno sta!

Arma la prora o marinaio,
vesti la giubba di battaglia,
per la salvezza dell'Italia
forse doman si morirà.

Come a Lissa, così a Premuda
lotteremo a spada nuda,
sui leoni l'abbiam giurato,
sull'eterna libertà, la libertà.

San Marco! San Marco!
cosa importa se si muore
quando il grido del valore
con i fanti eterno sta!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Inno alla Decima flottiglia MAS
Versione con l'organo Hammond


Quando pareva vinta Roma antica,
sorse l'invitta Decima Legione,
vinse sul campo il barbaro nemico
Roma riebbe pace con onore.

Quando all'obbrobrio l'8 di Settembre
abbandonò la Patria il traditore,
sorse dal mar la Decima Flottiglia
e prese l'armi al grido "Per l'Onore!".

Decima, Flottiglia nostra
che beffasti l'Inghilterra,
vittoriosa ad Alessandria,
Malta, Suda e Gibilterra.
Vittoriosa già sul mare,
ora pure sulla terra
Vincerai!

Navi d'Italia che ci foste tolte,
non in battaglia ma col tradimento,
nostri fratelli prigionieri o morti
noi vi facciamo questo giuramento:

noi vi giuriamo che ritorneremo
là dove Dio volle il tricolore,
noi vi giuriamo che combatteremo
finchè riavremo pace con onore!

Decima, Flottiglia nostra
che beffasti l'Inghilterra,
vittoriosa ad Alessandria,
Malta, Suda e Gibilterra.
Vittoriosa già sul mare,
ora pure sulla terra
Vincerai!

< Visualizza commenti (3)

Inserisci nuovo commento

Non deporrem la spada
Da un inno risorgimentale


All'armi, all'armi ondeggiano
alte le insegne nere.
Fuoco! perdio, sui barbari,
sulle vendute schiere.

Già ferve la battaglia
al Dio dei forti, osanna!
la baionetta in canna
è giunta l'ora di pugnar!

Non deporrem la spada
non deporrem la spada,
finchè sia schiavo un angolo
dell'itala contrada.

Non deporrem la spada
non deporrem la spada,
finchè dall'Alpi al mare
non sventoli il tricolor.

Visualizza commenti (1)

Inserisci nuovo commento

O' bella Dalmazia
Da una canto del 1919


O bella Dalmazia,
o suolo natio
ricevi un addio
dai Legionar.

Si, si la bella Patria,
Dalmazia si chiama,
la nostra promessa:
"si vincerà o si muor".

Si, si, silenzio
questa è la voce,
questa è la voce
ci chiama la nostra bandiera.

Lo giuriamo sull'onore dei dalmati
che fra noi non esisterà un croato,
noi giuriam sulla nostra bandiera:
Legionari siam pronti alla guerra.
Si, lo giuriam!

Visualizza commenti (3)

Inserisci nuovo commento

O' legionari
Conosciuta pure come "E' l'ora di marciar". Con la melodia dell' "Horst Wessel Lied", altrimenti conosciuta come "Die Fahne Hoch".


O legionari,
in alto i gagliardetti!
Serrate i ranghi,
è l'ora di marciar.

Camerati assassinati
dalla reazione
marciate in stilo
con la rivoluzion.

E tutti insieme,
insieme morti e vivi,
al vecchio
mondo che non ha più ideal
Lanciamo in coro
una sfida travolgente:
pronti a morir
per la nostra civiltà!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Partigiano
Un canto della Brigata Paracadutisti Folgore ha la stessa melodia (La sera dei baci)


Partigiano disceso dai monti,
depredando la povera gente,
presto o tardi faremo anche i conti
e in galera dovrai ritornar.

Sul berretto tu porti una stella,
distintivo di razza dannata:
ti faremo ingoiare anche quella,
ti faremo il veleno sputar!

Pei tedeschi voi siete banditi,
pei fascisti voi siete ribelli;
per il mondo voi siete sol quelli
che han venduto la Patria e l'onor.

Visualizza commenti (5)

Inserisci nuovo commento

Per voi ragazze belle
Conosciuta pure come "Canzone della Tagliamento", l'inno ufficiale della Legione Tagliamento, derivata dalle famose unità d'elite del Regio Esercito.
Per voi ragazze belle della via
che avete il volto della primavera,
per voi che siete tutta poesìa
e sorridete alla camicia nera,
per voi noi canteremo le canzoni
dei nostri vittoriosi battaglioni.

Ohè camerati,
degli "M" decorati,
A noi!
Il Don ci ha battezzati
A noi!

Partiti dalla Roma madre antica
per continuar la marcia redentrice,
andammo nella Russia bolscevica
portando in cuor la fede innovatrice.
Ci precedette un'epica Legione
ci accolse il rombo cupo del cannone.

Ohè camerati,
degli "M" decorati,
A noi!
Il Don ci ha battezzati
A noi!

Poi venne il dì dell'algido squallore
in riva al grande fiume dei cosacchi,
allor rifulse indomito il valore
che invermigliò la lotta negli attacchi.
La nostra "M" ormai dal tempo stinta,
dal sangue degli eroi venne ritinta.

Ohè camerati,
degli "M" decorati,
A noi!
Il Don ci ha battezzati
A noi!

E quando a Roma noi ritorneremo,
e per le vie dell'Urbe sfileremo,
le nere insegne tutte insanguinate
dinnanzi al nostro Duce inchineremo.
Su di esse inciso v'è come nel quarzo
tutto il valor della "23 Marzo".

All'erta imboscati,
che gli "M" son tornati,
gli eroi,
sarete bastonati,
da noi!

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Rombano i motori
Rombano i motori,
fremono i cuori,
siam tutti pronti a partir.
Rombano i motori,
fremono i cuori,
siam tutti pronti a morir.
Passa la Brigata:
ora tremate, partigiani traditor!
Passa la Brigata:
oh, sorridete bambine all'amor!
Maledetti partigiani,
la Brigata vi scoverà
dal cuor dei monti!
Badogliani e comunisti,
sempre vi inseguiremo
finché la morte non vi colpirà.
Ohilalà.

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Stornelli delle Brigate Nere
Esiste una versione rac della skinhead band "Dente di lupo"


Ci sparano alle spalle per le strade,
che di venirci avanti hanno paura.
E per risposta noi delle Brigate
Ai mitra abbiamo tolta la sicura.

Chi siete, io non lo so.
Chi siamo, ve lo dirò:
siam le Brigate Nere,
abbiam la forza di spezzarvi il cuor.

Siam stati nel Piemonte e in Lombardia
Per rompere la schiena dei ribelli.
Abbiam lasciato i morti per la via
Con sulle labbra i nostri canti belli.

Chi siete, io non lo so.
Chi siamo, ve lo dirò:
siam le Brigate Nere,
abbiam la forza di spezzarvi il cuor.

Visualizza commenti (0)

Inserisci nuovo commento

Vogliamo scolpire una lapide
Melodia da un inno risorgimentale "Inno a Oberdan"


Vogliamo scolpire una lapide
incisa su l'umile scoglio,
a morte il marchese Badoglio
noi siam fascisti repubblican.

A morte il re
viva Grazian,
evviva il fascio
repubblican!

Vogliamo scolpire una lapide
incisa su pelle di troia,
a morte la casa Savoia
noi siam fascisti repubblican.

A morte il re
viva Grazian,
evviva il fascio
repubblican!

Visualizza commenti (10)

Inserisci nuovo commento




Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.